Basilica Di San Francesco

Affreschi di Piero Della Francesca

Descrizione

La Basilica di San Francesco, edificata a partire dalla seconda metà del XIII secolo, è un edificio ad aula unica, progettato secondo la prassi degli ordini mendicanti. La sua costruzione fu terminata nel XIV secolo. Il campanile risale al Cinquecento. Laboriosi restauri hanno pressoché restituito alla primitiva semplicità il grandioso interno ad unica navata, fiancheggiata a destra da edicole con ornamenti trecenteschi e rinascimentali e a sinistra da sobrie cappelle ogivali.


Sempre all’interno della basilica, si ammirano le vetrate del Marcillat, tele ed affreschi di Spinello ed altre opere di pregio, tra cui un grande Crocifisso dipinto da un contemporaneo di Cimabue e - nell’ultima cappella laterale a sinistra - il monumento funebre al giureconsulto Roselli, della prima metà del Quattrocento. Ma la Basilica è famosa soprattutto per uno dei capolavori di tutta la pittura rinascimentale, la Cappella Bacci con il ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce, dipinti da Piero della Francesca tra il 1452 ed il 1466. La Cappella apparteneva ai Bacci, ricca famiglia di mercanti Aretini, che nel 1447 affidarono al pittore fiorentino Bicci di Lorenzo il compito di decorarla.


Il suo lavoro, dopo aver decorato la volticella del soffitto della Cappella e i due Dottori della Chiesa nel sottosacrato d’ingresso, oltre al Giudizio Universale sull’arco trionfale, terminò a causa della sua morte nel 1452, anno in cui Piero della Francesca iniziò a lavorare per i Bacci, realizzando in pochi anni gli affreschi più moderni e prospetticamente misurati che il Quattrocento italiano abbia potuto concepire.


Gli affreschi sono posti su tre livelli sulle pareti laterali e sul fondo. Tra i più importanti troviamo nella parete di fondo il Sogno di Costantino, sulla di destra la Battaglia di Costantino e Massenzio e sulla parete di sinistra il Ritrovamento e la Verifica della Vera Croce. Gli affreschi sono posti su tre livelli sulle pareti laterali e sul fondo. Sulla parete di fondo sono rappresentate due scene chiave, l’Annunciazione, primo atto della vicenda umana di Cristo, e il Sogno di Costantino, da cui prende l’avvio la vicenda storica della riscoperta della Croce, che diverrà vessillo di vittoria dei sovrani cristiani. Le scene delle pareti rappresentano episodi tratti dall’Antico Testamento e dalle vicende successive al Ritrovamento della Croce da parte dell’imperatrice Elena.


Nella disposizione delle scene, Piero della Francesca dipinse in alto scene all'aperto, nel centro scene di corte e in basso scene di battaglia.