Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna

Descrizione

Il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna ha sede in palazzo Bruni Ciocchi detto della Dogana, uno dei più bei palazzi rinascimentali della città. Il Museo si sviluppa su tre piani e possiede anche un giardino pensile posto a livello del primo piano: nell'antica limonaia ha ora sede il laboratorio di restauro. Per l'importanza, la varietà e la ricchezza delle opere conservate, il Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna si può considerare tra i più significativi della Toscana: la sua storia è strettamente connessa a quella della città e alle sue principali istituzioni civili e religiose.

I due nuclei fondamentali che compongono le raccolte del museo appartengono infatti alla Fraternita dei Laici e al Comune di Arezzo, costituite da opere provenienti dalle chiese e dai conventi soppressi e da raccolte d'arte di diversa origine e natura, riunite da collezionisti, eruditi ed artisti aretini.